Compartimentazioni

La ditta Caronti di Pavia si concentra su tre elementi importanti di protezione passiva antincendio:

  1. Compartimentazioni delle strutture edilizie;
  2. Scale antincendio;
  3. Distanze di sicurezza.

Contattaci per maggiori informazioni o per richiederci un preventivo.

 

COMPARTIMENTAZIONI DELLE STRUTTURE EDILIZIE

Le compartimentazioni comprendono partizioni orizzontali (solai), partizioni verticali (pareti divisorie) e porte. Si tratta di elementi costruttivi aventi caratteristiche di resistenza al fuoco predeterminate che vengono realizzate (o installate), in funzione delle esigenze di prevenzione incendi che garantiscono:

  • il contenimento della propagazione dell’incendio (ovvero ne ritardano la diffusione) in un’area circoscritta, fornendo alle persone presenti la possibilità di raggiungere senza per coli luoghi sicuri aree a cielo aperto;
  • adeguata protezione alle vie di esodo, con particolare riferimento alle scale di emergenza (scale 'protette’, ‘a prova di fumo’).

resistenza al fuoco degli elementi costruttivi

Si ricorda che il DM 16 febbraio 2007 (decreto che ha aggiornato le norme sulla classificazione di resistenza al fuoco degli elementi costruttivi) opera, per quanto riguarda le pareti tagliafuoco, una distinzione fondamentale tra:

  • "murature non portanti" (muro non soggetto ad alcun carico fatta eccezione per il suo peso proprio);
  • "murature portanti" (muri progettati per sopportare un carico applicato).

e la valutazione tabellare della resistenza al fuoco “è fornita solo per le murature non portanti".

stabilità e tenuta degli elementi di costruzione

A questo proposito ricordiamo che la stabilità R è “l'attitudine di un elemento da costruzione a conservare la propria resistenza meccanica sotto l'azione dell'incendio, la tenuta E è la “capacità di un elemento da costruzione di non lasciar passare (né tantomeno produrre) fiamme, vapori o gas caldi dal lato esposto a quello non esposto” e l'isolamento I è “l'attitudine di un elemento costruttivo a ridurre, entro determinati limiti, la trasmissione del calore”. In questo senso la "classe di resistenza al fuoco" va "interpretata" in funzione dell'elemento costruttivo che s’intende analizzare.

“Nel caso di un muro tagliafuoco non portante, oltre all'aspetto della tenuta E sarà necessario valutare anche quello dell'isolamento I, mentre non risulterà determinante il parametro R” (ci sarà una classificazione EI).

Un altro aspetto è quello di garantire una ventilazione garantita ad alcuni locali (esempio vano ascensore) o garantire la protezione degli attraversamenti degli impianti (canalizzazioni termo-idrauliche, canaline elettriche, scarichi acqua...).

compartimentazione verticale ed orizzontale

Con diverse tipologie di materiali ed interventi, siamo in grado di fornire soluzioni di compartimentazione verticale ed orizzontale anche per grandi dimensioni (altezza parete fino a 14 mt).

Possiamo realizzare setti verticali autoportanti, controsoffitti a membrana con possibilità di protezione dal fuoco proveniente anche dall'alto. Inoltre possiamo riqualificare opere esistenti, dalla parete in cartongesso alle pareti in c.a. nonché travi e pilastri in c.a. e in ferro.

I materiali a nostra disposizione vanno dal calcio silicato al cartongesso specifico, vermiculite (anche a spruzzo), schiume e nastri intumescenti, collari fino alla fibra minerale che in alcuni casi consente con una piccola spesa di proteggere un solaio.

CARONTI | 18, Via Dell' Industria - 27010 Cura Carpignano (PV) - Italia | P.I. 02520920188 | Tel. +39 0382 488496 | Fax. +39 0382 1950020 | amministrazione@caronti.com | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite